Pasquetta: piste prese d'assalto e attimi da brivido al Moro e al Devero

Attimi di paura oggi al Moro di Macugnaga e al Devero: un cavo della funivia per l'Alpe Moro questa mattina è caduto sulla seggiovia del Ruppenstein e un'ottatina di sciatori (69 adulti e 10 bambini), che si trovavano a bordo della seggiovia, sono rimasti sospesi per oltre due ore a una decina di metri d'altezza. Un'altra cinquantina di sciatori è invece rimasta bloccata sulla funivia. La situazione è stata tenuta sotto controllo dal personale di Monterosa Star e da quello del soccorso di Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato, preparato a gestire evenienze di questo tipo, senza conseguenze per gli utenti. Gli sciatori bloccati in seggiovia sono stati imbragati e riportati a terra. I tecnici poi hanno provveduto a ripristinare l'anomalia e tutti gli sciatori hanno potuto far rientro in assoluta sicurezza con il gatto delle nevi fino al Moro e, poi, con gli elicotteri del 118 e della Guardia di Finanza sono stati riportati a Pecetto. L'impianto dovrà rimanere chiuso per accertamenti e per consentire agli esperti di individuare cosa abbia causato il problema. Il Monte Moro quindi nei prossimi giorni sarà chiuso in quanto non raggiungibile con l'impianto funiviario.
Problemi anche all'Alpe Devero, dove questa mattina intorno alle 9 si è staccata una valanga che ha travolto cinque sciatori: tutti estratti dalla neve, l'utlimo dei quali alle 11, per tre di questi è stato necessario il ricovero in ospedale a Domodossola. Le loro condizioni non sono gravi. Incolumi gli altri due sciatori toccati marginalmente dalla neve. Sul posto sono intervenuti l'elisoccorso del 118 e le squadre del Soccorso Alpino con i cani antivalanga.
Disagi infine a San Domenico, con guasti all'impianto elettrico che hanno bloccato gli impianti. Con un generatore sono stati garantiti gli skilift nella parte bassa, mentre i tecnici hanno lavorato un paio d'ore per ripristinare la situazione e in tarda mattina le seggiovie hanno ripreso a funzionare regolarmente. Domani la stazione sarà aperta e funzionante.
Tutte le stazioni del comprensorio sono state prese d'assalto dagli sciatori per l'ultima giornata sulla neve di questa stagione. Le temperature sono davvero elevate (20° a quota 2.700 metri) e, per i prossimi giorni si raccomanda di prestare la massima attenzione e di evitare i fuoripista, anche per salvaguardare l'incolumità degli altri sciatori.

Visualizzazioni: 2

Tag: devero, macugnaga, neveazzurra

Commento

Devi essere membro di Neveazzurra per aggiungere commenti!

Partecipa a Neveazzurra

Commento da patrizia su 15 Aprile 2009 a 10:10
Ho aggiunto le foto al Belvedere a Pasquetta con la sciata gentilmente offerta da Neveazzurra. Grazie ancora.
Commento da Neveazzurra su 14 Aprile 2009 a 22:56
Grazie Patrizia, per fortuna l'incidente non ha causato danni alle persone e sono in corso le opportune verifiche...
Commento da patrizia su 14 Aprile 2009 a 20:22
Ciao, ieri ero a sciare a Macugnaga con lo skipass vinto con il concorso di Neveazzurra!!!!! La fortuna ha voluto che scegliessimo il Belvedere quindi non siamo stati coinvolti nell'incidente del Monte Moro. Comunque eravamo abbastanza spaventati ugualmente perche' all'inizio le notizie erano confuse : fortunatamente tutto poi si è concluso per il meglio. Paura a parte la giornata era BELLISSIMA e la vista sul Rosa FANTASTICA!!! Grazie e arrivederci al prossimo anno.
Commento da pierfrancesco su 14 Aprile 2009 a 17:39
Dice bene Gian Luca per fare del escursionisno invernale (comunque sciistico ) i luoghi
vanno praticati iniziando dalle escursioni estive
Commento da Luca su 14 Aprile 2009 a 14:08
Si erano comunque verificate nevicate in quota e quindi bisognava usare tutta la prudenza possibile....compreso rinunciare ad andare in posti impegnativi (pericolosi) come il "ferrari"!
La zona è tristemente famosa! Tra Cervandone e Bandiera.......
Forse bisogna lasciare a casa un pò di presunzione e portarsi più saggezza!
Commento da Gianni Iacazzi su 14 Aprile 2009 a 9:11
Sei sicuro? Aineva dava pericolo 2, e solitamente il bollettino che da l'ARPA è quello dell'aineva rielaborato
Commento da Giancarlo Bruss su 14 Aprile 2009 a 0:10
Arpa Piemonte dava per questo weekend di Pasqua un livello 3, pericolo marcato, su tutto l'arco alpino per quanto riguarda il distacco di valanghe.
Commento da Neveazzurra su 13 Aprile 2009 a 21:22
Ha detto bene Gianni: lo zero termico era a quota 2.700, piccolo refuso giornalistico ma segnalerei la tempestività della notizia...per fortuna sembra che entrambi gli episodi si siano risolti senza conseguenze irreparabili..
Commento da Gianni Iacazzi su 13 Aprile 2009 a 20:38
Sul Ferrari
Commento da Raffaele "Flint" Crespi su 13 Aprile 2009 a 20:17
In che punto e' venuta giu'?

Iscriviti alla nostra Newsletter

© 2014   Creato da Neveazzurra.

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio