Tra le vie e nelle piazze di Orta le sculture contemporanee di Paladino

Visitare Orta in questo periodo, oltre alla suggestione di uno dei luoghi più amati d’Italia, regala un viaggio nell’arte contemporanea: un cavallo rosso galleggiante in fronte all’isola di San Giulio, un elmo gigante uscito dal film “Guerre Stellari”, o ancora un trenino carico di corpi femminili supini e talvolta sezionati.E’ un evento di grande arte “Ortissima 2009”, che coniuga l’importanza delle opere esposte alla suggestione del luogo che le ospita. Dieci sculture monumentali di Mimmo Paladino, uno degli artisti italiani più noti e apprezzati a livello internazionale, protagonista nei primi anni Ottanta del movimento della Transavanguardia.

L’iniziativa è il terzo appuntamento del progetto ORTISSIMA percorsidorta nata da un’idea dell’Associazione Culturale e curata da Flavio Arensi, di scena fino al 9 novembre. Sono le stesse vie e piazze di Orta a portare in scena l’arte di Paladino. Si tratta di dieci sculture dalla forte carica espressiva che si snodano, come in un percorso d’arte, dal Sacro Monte sino all’Isola di San Giulio, alcune protagoniste indiscusse della scena, altre che compaiono così, improvvisamente, tra un vicolo e l’altro, lasciando di stucco i visitatori ignari.

Il percorso di visita parte idealmente dalla Darsena SS. Trinità, con l’opera “Porta d’Oriente” – bronzo 2005

Si raggiunge poi la Piazza Motta dove troneggia, sotto al Palazzotto, il “Disco per Beuys” – terracotta e ferro 2004

Lungo la salita della Motta, in via Caire Albertobelli, l’Elmo” – bronzo 2005

A Palazzo Penotti Ubertino, nei locali attigui a quelli della mostra con le foto di Gianni Berengo Gardin, “Senza titolo – San Gennaro” – argento, vetro su base di legno – 2007
Sempre alla salita della Motta, in via Caire Albertoletti, “Senza titolo – Uomo con sbarra”.

Inoltrandosi nelle strette vie del borgo di Orta, in piazza Ragazzoni, “Architettura” – bronzo ricoperto di calce 2007

Nel cortile del comune di Orta San Giulio “Film (bicicletta) – bronzo 1985

L’opera più ammirata è il “Cavallo” – vetroresina 2008, situato di fronte a Villa Bossi, sul lago

All’inizio della salita della Via Crucis al Sacro Monte “Treno” – ferro e terracotta 2007

E infine, sull’isola di San Giulio “Caduto a ragione” – bronzo 2008

Che si ami o no l’arte contemporanea, certo è che le sculture monumentali di Mimmo Paladino regalano a Orta una suggestione inconsueta.

Visualizzazioni: 135

Tag: arte contemporanea, cultura, mostre, neveazzurra, orta, reportage

Commento

Devi essere membro di Neveazzurra per aggiungere commenti!

Partecipa a Neveazzurra

Iscriviti alla nostra Newsletter

© 2014   Creato da Neveazzurra.

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio